Le donne non sono mammiferi

Esistono alcune realtà nelle quali le donne sono considerate mammiferi.Non può essere così,o meglio per me che vivo in una citta’abbastanza emancipata la donna è abbastanza ben inserita nella società ma mi sono ritrovata a fare i conti con la mentalità di paese del mio compagno e della sua famiglia,e di tutta la società attorno a loro.Nel paesino i giovani non ci sono più.Chi prima e chi dopo ha cercato una via di fuga da quel deserto,senza attrazioni o svago e priva di divertimento.L’unico divertimento che accomuna quei pochi ragazzi che per un motivo o per un altro è la droga il collante tra figli di famiglie perbene e figli di famiglie più sfortunate che in comune hanno la voglia di evadere da una realtà deludente e che non appaga più le nuove generazioni,per l’assenza di valori solidi o semplicemente per l’assenza di qualcuno,di un affetto stabile.E’piu’difficile oggi gestire i giovani,scappano continuamente in maniera anche non fisica attraverso internet e i social network che ti danno l’idea di poterti trovare in ogni momento in ogni luogo anche se in realtà sei semplicemente seduto sul divano di casa.Io non voglio essere un mammifero e anche se magari non sarò la mamma più in gamba del mondo so che se non sto bene e non vivo serena faccio fatica a trasmettere ai miei figli che la vita è bella e va vissuta al meglio.Anche se fino a quando avrò forza metterò la maschera della felicità per non far pagare a loro il prezzo dei miei errori e forse cadere serve proprio a rialzarsi più forti di prima,lo spero,per adesso non posso permettermi di essere triste.